🥇 7 Best Planetary Mixers 2019 (from Master Chef Professionals)

🥇 7 Best Planetary Mixers 2019 (from Master Chef Professionals) –

4.1 (92%) 23 votes

Tell the truth:

seeing Master Chef you fell in love with planetary.

It looks like a real miracle machine 😊.

Looking for the best planetary mixer economic or one professional?

You need something for knead the pizza in a workmanlike manner like a Neapolitan pizza maker 🍕?

Take a look at this video:

If you want the best pizza dough mixer, click here.

Before owning the planetary I had the Thermomix at home, I thought it was similar, but I was wrong, the Bimby looks like a toy compared to, with the planetary we are in Serie A, the culinary and creative possibilities are truly endless.

The only limit in this case is the imagination.

Best Professional Planetarium 2019 (opinions and reviews)

The Kenwood KM094 Cooking Chef is the top of the range, a machine for professional chefs

This magnificent planetary mixer was given to me as a retirement gift by all my office colleagues, who, after all these years of working side by side, got to know how deeply I love cooking.

It is a high-level machine, not only for the manufacturer's excellent brand and for the price range in which it is located, but for the high performance in terms of performance. In my life I have owned numerous planetary, starting with the older models when I was younger, however solid and better built than many other contemporaries.

In a sense I have a very demanding yardstick and years of experience behind it, so believe me if I tell you that the Cooking Chef didn't disappoint me in my high expectations.

As soon as I brought it home, my wife was immediately thrilled, as passionate as I am about good food and strictly home-made preparations, and we immediately gave her a nice spot in view of the work surface. This tool makes a great impression even at the first visual impact: simple shape, rounded edges and sinuous, compact and robust, with that touch of modern that never hurts given the electronic display on the front.

The materials are first choice, it is understood both by seeing it in action and even by just touching it. The machine body is made of die-cast aluminum, the bowl and its tools are all made of stainless steel, except for the spatula whisk which contains plastic parts as it must go to scrape effectively on the inner walls of the bowl without damaging it.

The bowl is huge, very spacious, with a capacity of 6.7 liters and 3 liters in actual cooking, equipped with heat insulating handles to be handled freely without problems.

During the dough it has eight distinct speeds and a pulse function, while in cooking it has three speeds, more than enough to stir the food.
However, the strong point of this marvel remains the aspect linked to its many features. Assuming that I received the basic mixer, there are about twenty optional equipment to add, which I am calmly buying from month to month, all those tools that allow the processing and domestic production of numerous preparations such as pasta, ground, smoothies, special vegetable cuts and much more.

The machine is a complete tool capable of literally becoming an indispensable helper in the kitchen capable of preparing excellent dishes from beginning to end. The user just has to add the ingredients at the right time and relax.

It obviously cooks by induction, in a range of temperatures starting from 20 ° up to a maximum of 140 °, perfect for any need, from slow cook to risotto, pasta, sauté and any other preparation of first and second courses of each genus that usually requires pans, pots and casseroles. It can also steam, thanks to a supplied accessory that acts as a support plate to attach to the top of the bowl, letting hot water and steam flow from the bottom.

The power is 1500 W depending on the dough and 1100 W on cooking, in short, it has its consumption but it is definitely worth it and are not excessive at all.
As far as the functions of the kneading machine are concerned, obviously it has a complete planetary movement, capable of correctly conveying the various ingredients, whether it be soft and creamy preparations, or more rigid and consistent doughs.

Regarding the use it is surprisingly intuitive, but maybe I was already used to using this type of machine because of my experience. The user manual is in any case a pleasant and introductory reading that I recommend to discover all its peculiarities to the end. It has all the controls on the front, with the classic simple lever to raise the arm of the machine.

The large knob allows you to adjust the speed, while two buttons manage the pulse function and the inversion of the direction of rotation of the hoses. The small knob adjusts the thermostat instead. Finally, the display shows the selection keys plus and minus to adjust the timer and the on / off button.

The accessories received in this basic package are the K or leaf whisk, if desired, dough hook, rubberized whisk, connections for medium, low and high speed machining, the classic wire whisk for mounting, the steam cooking basket and a mixing tool. A very respectable set to really manage every kind of basic preparation without requiring additional special additions.

Usually, I let my wife manage the preparation of the desserts in which she excels more than myself to be honest, but I enjoy it especially with the first courses and bread dough and leavened products in general. The dough hook does not make any effort to effectively manipulate the dough, creating a good gluten mesh capable of offering excellent results once loaves and pizza bases are formed. The planetary movement feels everything then especially in the work with the leaf hook, which actually takes all the parts of the dough.

In the package I also found another very pleasant surprise, the recipe book from which to take inspiration for nothing short of excellent, ten vouchers for a free online cooking course, and above all 1 voucher for two people for a prestigious cooking class and strictly free. My wife and I immediately got to know each other, we intend to attend it as soon as she also retires and will therefore have full free time, in a few months.

Wanting to find the hair in the egg, my wife and I – she in particular when preparing custard – we have noticed that she tends to struggle in collecting the ingredients on the bottom, and that for this specific preparation and other creams to thicken similar one must put oneself to adjust the height of the whip every single time and then reposition it as it was before. A bit tiring and impractical, but understandable in the very delicate cooking of a food like custard.

So a small defect but nothing that nullifies the overall validity of the product, which gives its best in managing the fundamental aspect of the mixer: mixing and obtaining excellent leavened bases.

I will never cease to thank my colleagues for this wonderful gift, not only for its enormous potential that gave me excellent help in the kitchen, but also because this machine is a real life experience.

It brings with it great possibilities, both through cooking classes and the possibility of enrolling in the exclusive Kenwood Club, and thanks to the time and effort it saves: something not to be overlooked when I was my age.

Obviously my colleagues did not fail to get back the favor with some dinner invitations. Nothing to fear for the number of guests, this gem prepares in abundance for everyone without effort.

Compact and essential Moulinex HM412 Prep Line that turns into a functional mixer

This particular beater is an object that I have been actively using for four years or so, and I found it so well that I gave it to my daughter the last Christmas, receiving the same excellent impressions that I got. It should be made clear that both I and you make a purely domestic and hobby use of it, with no pretensions of great performance and results of professional haute cuisine.

However, from cooking enthusiasts, we are still brave and demanding enough to understand when an object addressed to the mid-range is actually good or not.

How many times have you happened to hold a bowl in your hand and in the other the mixer wondering if there was any support to keep them for you? The peculiarity of the Moulinex HM412 Prep Line is that it is a cross between a classic mixer and a low-capacity basket mixer, but with a little extra gear.

The bowl rotates on itself, simulating to a minimum the efficiency of a planetary mixer in the best mix of the ingredients it contains. I personally think that having a light, handy and agile mixer for any eventuality is just as important as having a fixed kitchen machine.

The parts that make up the Moulinex HM412 Prep Line are two, the classic mixer that can be easily disassembled and the base that houses the rotating basket. The power is definitely excellent, as much as 450W, far above the classic shakers. Another factor that makes the mixer above the average is the presence of five different degrees of speed, capable of offering a sensitive difference usually ignored and being able to gradually increase the speed in order not to work the ingredients in an excessively aggressive manner. It obviously also has a turbo function.

The whips are the classic set of two with quick and precise engagement, made strictly in stainless steel: simple whips and kneading hooks.
Unfortunately, the base of the machine does not allow to block or rotate the rotation of the bowl, an accessory made of solid plastic. All the accessories that come into contact with food are obviously dishwasher safe without risk of damage in any way.

The noise is neither excessive nor contained, it makes the classic noise of an electric mixer so I would call it without infamy or frankly praise. The mixer works quite well even at low load, for example with only two eggs, the real flaw that I would like to criticize is very predictable given the rotation movement on the very static axis of both the whips and the basket: it does not always arrive at Scratching well on the inner sides of the walls of the bowl, so no matter how autonomous it is to work, it cannot be said to be a completely independent instrument.

But given the low price and the effectiveness in the final results, I would say that the expense is also widely worth faced with a completely acceptable similar defect. Included in the package is also sold a classic spatula leccapentole in white plastic with a peculiar elongated shape. Just insert it carefully even with the machine in action, to carefully scrape the edges and the mixture immediately becomes homogeneous.

In some doughs it also suffers on the bottom, so it is a good idea to stop the process for a moment in the middle of the work and go and stir it once or twice even on the bottom.

The design is very simple and according to my daughter, who has a bit of aesthetic sense more than myself, she is very pretty in her choice of neutral colors. Evaluating design in a more practical way, I must say that it is well thought out and built with consequences.

For example, the left side of the yard houses special housings for the insertion of whips and relative practical conservation. The whips have two distinct attacks in order to effectively connect the single whip to the side that belongs to them without making a mess.

The one with the knurled plastic stem goes to the left, the smooth one to the right. Even the very particular design of the whips, which are not smooth but wavy, could suggest a lower efficacy than the classic models and instead do their job perfectly, whipping the cream very well and mixing the liquid batters effortlessly.

After all these years of honorable service, nothing has rusted, broken or damaged, a sign that the quality of the promised materials is really such.

It is a light machine, ideal for hosting a small amount of dough and should not be loaded excessively, on pain of great fatigue and an irregular and shaken movement of the whole machine. In short, it is not designed to serve as a professional dough mixer for large pieces, especially when dealing with the toughest doughs on which a little bit suffers to be honest. Indicatively, it handles 4 ounces of solid dough well enough, and even 5 or 6 ounces of liquid dough, from a cake to speak.

I use it in particular for this fact, for the dough of cakes, muffins or pancakes of all kinds, as I just pour the ingredients, operate the mixer, give a shredded half of the process to remove the flour attached to the sides of the bowl and away, the dough is nice that ready to be put in the mold and go into the oven.

Like all electric handlers of this size it has some problems in managing preparations lasting more than fifteen minutes, I noticed that after this time it tends to heat up a lot and needs a little break. Not that you risk breaking it, but personally I prefer to let it cool a bit rather than overheat it. It should also be noted, however, that I live in Sicily and the temperatures are not exactly low, in fact it suffers in particular in the summer.

For the rest, however, it remains a small useful tool, with a very low price, able to combine practicality and functionality in a single format.
Very clear even if the instructions in the manual are practically superfluous, but still pleasing for those who just can't do without or have never touched an electric mixer in his life.

A suggestion that someone might find useful: when pouring the dry powdered ingredients such as flour, yeast and so on, it is better to start by whipping the whisk to a minimum and let the fat stir for a few seconds. Unfortunately the air outlet holes of the machinery are positioned in such a way that, if operated immediately at full power a little due to the puff of air a little due to the natural action of the whips, the flour tends to do the classic cloud effect and whitewash the inner walls of the bowl.

In conclusion, in short, like so many other machines, even though it is small and has two very simple functions, it has its little tricks to work at its best, and you only discover them often using it without getting discouraged immediately in the face of small imperfections. He does his job well and once he is confident he is able to offer great satisfaction.

Kitchenaid Artisan 5KSM150PSEER Food processor, a timeless must for cooking enthusiasts

I have been a passionate pastry chef since I was a child, and watching numerous online videos of various recipes, both Italian and above all foreign, I noticed over time that the Kitchenaid planetariums were practically a constant presence on the counters of many. So, as soon as I decided to save money to finally buy a food processor, I jumped practically without hesitation on those of this brand.

Thanks to a small discount I came to get my hands on an imperial red Artisan 5KSM150PSEER. Initially I was a little disappointed because I would have preferred it black, but as soon as it was discarded and put into the kitchen I immediately changed my mind: this machine is a show to be seen only, on a purely aesthetic level. Splendid in color, deep red and very shiny, and also magnificent in design, it makes a special effect live. We would need to own one just as a piece of furniture almost!

As soon as I took it home and paraded out of the box, I could not resist trying it before reading the instruction manual, and despite this I found myself very well even gropingly using it. To be honest I have to say that I had abundantly understood how it worked thanks to the numerous videos I had seen in which it was used for practically everything, but it is still quite intuitive even without getting bored with the manual, which in any case proved to be a useful and important reading once past the enthusiasm for the first time.

It is a sturdy, compact machine, at the bottom weighs a good 11 kg, but it is rightly so because being rather powerful it must be able to quietly mix full-bodied mixtures at high speed, without dangerous oscillations.

First of all, to my surprise the plug was European so no annoying schuko adapters out of the way and already here we started very well.
With regard to noise I must say that I didn't have many meters of comparison, this being my first machine and obviously in the famous videos on youtube the mixer sound is always cut to avoid being annoying, so I was not prepared. At first I found it very noisy, but then several people assured me that any food processor, especially if pushed at full speed, tends to be quite noisy. Unfortunately it cannot be expected to make the same sound as a nightingale, it is an engine that must generate energetic rotations, after all. However, at the first test I made a very simple meringue using the whip hook, and what to say, it came perfect.

It is very comfortable to open and clean, and you immediately feel that the materials are of excellent quality, with a very solid consistency of the machine body but also of its accessories such as the bowl and the relative splash guard.

The package included wire whisk, leaf whisk, and dough hook, a standard set in short to be able to work with practically anything.
About six months have passed since I bought it and I have never had any difficulties with the various hooks or the bowl, except for a small problem which, however, depended entirely on me: I washed the whisk flush in the dishwasher and after a few month it was ruined.

So I had to buy it back and I discovered that while the other two accessories go quietly in the dishwasher because they are made of enamelled aluminum (in fact they are white!), The wire whip is made of steel with an aluminum hook, so at those temperatures it was oxidized at the base.

My mistake, in short, that in the hurry I had not read that passage correctly in the manual. Apart from this small incident, therefore, everything is wonderful, it was kept well even if I leave it in the kitchen and not in its box: I keep it away from the stove of course and use it at least twice a week.

In recent months I have mainly used the wire whisk, and rarely the kneader hook, as I usually prepare soft or whipped dough for cakes and cupcakes and only on special occasions bread. The leaf whip instead I used it only once and I remember however that it seemed to do its duty without problems.

Recently I discovered among other things that it is compatible with a whole range of accessories that can greatly expand its functionality, like the dough sheeter for making pasta at home, and I have a half idea of ​​trying to take some expansion for this Artisan and try to give it an edge over its potential, not just use it as a dough mixer.

This versatility makes it in my opinion the best food processor in circulation: powerful, reliable, beautiful and expandable. Furthermore the brand made in usa offers many spare parts, when I had to replace the whip that I had carelessly ruined in the dishwasher I had no problem in fact finding it original. After all, I would not have trusted myself to take a different one, perhaps not compatible.

In any case it is a pride to show off, and an object that makes life in the kitchen tremendously easier, in my opinion suitable for both simple enthusiasts and professionals who do not have to work on very large quantities. The capacity of about 5 liters of the bowl makes it in fact suitable for preparations that are also quite generous at a domestic level but certainly not as a confectionery that must definitely process much more. Let's say that with this ability I quietly produce enough cakes to serve a minimum of twenty people.

I tested the resistance of the bowl with everything, even with Italian meringue that requires pouring the hot sugar syrup into the dough and neither the whips nor the bowl showed any sagging or problems, continuing to fit perfectly. Let's say I stressed her enough and she always responded great.
Making therefore a general summary of advantages and disadvantages, and premising that I personally consider it one of my best purchases ever, I could list the following.

Pro
Easy to use.
It has the European two-pin plug.
Excellent materials and beautiful robust.
Superb design and beautiful glossy color.
Supplied accessories excellent for use at home.
Possibility to expand its functionality thanks to a nice set of compatible accessories to buy separately.
Easy to find spare parts.

Versus
Average noisy.
The hook is a bit too wide and does not work perfectly to treat all that series of very hard doughs or that need to develop gluten like bread and pizza, it is necessary to proceed with a second one kneaded by hand. For those in the industry, that hook is hard to string the dough in short.
Although it is not my direct experience, they told me that some had to have the defective bowl replaced.

Bosch MUM4405 economic but powerful, complete and very versatile

OFFER NOW 42%

Bosch MUM4405 Kitchen Machine, 500 W, 3.9 Liters / 2 kg, ABS, ...
Bosch MUM4405 Kitchen Machine, 500 W, 3.9 Liters / 2 kg, ABS, …

  • 3D planetary motion multimotion drive; multi-function arm with 3 attachment points for accessories; easy storage: cable reel for easy and quick storage of the cable
  • Plastic bowl with non-splash lid and food introducer

After merging the umpteenth portable mixer, which I had changed only a few months ago, I decided to change and aim for something a little more powerful. I enjoy small pastry jobs and am also pretty good, so much so that friends and relatives frequently ask me for cakes and pies for their birthdays and various parties.

The whips of the classic electric mixer, however, were not always able to handle large quantities of creams and doughs, forcing me to take numerous breaks to cool the instrument's motor or worse to make the thickest doughs in two phases.

In certain processes, such as sponge cake, this resulted in a disaster, and had become unmanageable. So, at the death of the last beater I opted for a necessary quality leap.

I wanted something that would work independently, also reducing time and effort, but above all that it could work long and well without risking turning off in the middle of the work. The planetariums of my dreams unfortunately were definitely too out of budget and I didn't want to buy a cheap sub-brand, so I opted for an intermediate kitchen machine, Bosch brand that I personally trust for a lifetime when it comes to appliances.

I focused on the MUM4405 a bit for the cost and a little for the excellent online reviews, so in the end I took it pretty much without looking at other models, it had everything I needed.

It is in all respects a small planetary, with a very compact structure that clutters the right without too much excess. The planetary movement is different from the simple rotation of the arm of the whip on its own axis. It is in fact slightly inclined, so as to allow a complete displacement that goes to act on all sides in a uniform manner. The bowl is instead fixed.

The capacity of the bowl is almost 4 liters, sufficient to prepare large doses of creams and doughs without too much difficulty, and it is made of resistant plastic like most of the coating of the machine itself.
In the package I found the standard tris of multi-function whips, the classic one for whipping, the one that reproduces the functions of a K or leaf whisk and that allows to work on medium consistency dough, and the hook for hard doughs like bread, pasta and pizza.

Obviously the manual and the plastic splash cover are included with the special nozzle to pour the ingredients when the machine is in action.
On this base you can then mount a series of accessories to be purchased separately that make it even more complete as the citrus-fruit squeezer, a blender, the mill for grinding, the grater, meat grinder and ice cream maker.

Personally, I didn't buy any of these, even though I'm considering the possibility of trying out the ice cream maker and the extruder with the biscuit making accessory. When looking for compatible accessories, care must be taken to find those that go in tandem with the MUM4 and the MUM5.

Evaluating it on the aesthetic profile, I have to say that unfortunately I don't like it very much, perhaps because I mentally compare it involuntarily to the beautiful planetaries that cost even ten times as much, or maybe it's just the white color, the silhouette a bit squat, in short, it's not an element that I love exhibiting in the kitchen but never mind, I always put it in a drawer and it keeps even better.

In terms of wear and tear, I have been using it for months now and the plastic is still intact and clean although I have also worked with very strong food dyes (such as red for red velvet cake, particularly intense), as well as whips which I care to always wash only by hand and dry after use for safety. This foresight is perhaps a bit excessive given that it would be enough to put them in the dishwasher without problems.

In fact, I wash the bowl in this way, even though being perfectly smooth inside it has no problem being cleaned even with the soft sponge.

The use is not complicated at all, I learned to use it by peeking at the manual only very hurriedly, I am not one who likes to read the instructions for a long time, only the maintenance side. I learned to use it completely in about fifteen minutes.

On the side panel has a series of instructions that frankly I did not find very clear the first time I saw them, indeed! I understood only later that it was all the details inherent in how to assemble the various additional components of the machine, for example mincers, mixers and so on and the relative ideal levels among the four available speeds. However, I cannot assess the simplicity of installing these components, as I have not actually purchased any of them.

But coming to the most interesting part, that is what it does and how it works, well … it kneads and mounts very well. The speed is adjusted by means of a knob to be rotated on the upper right side of the robot body, while the whip arm is opened by pressing a button on the top of the left side. It opens very well, removing the bowl is very simple.

With regard to noise, I must say that it is quite loud but basically all this kind of appliances are a bit and for sure I don't have to start whipping cream at 3 in the morning so frankly it doesn't matter.
A defect that I can't stand instead is the predictable instability of the machinery when it mixes at high speed (never more than 3 for pizza or bread dough, not recommended).

Being a small machine with plastic components and plastic bowl, the oscillations of the machine and the splash guard are a little worrying to see, but actually they do not constitute any problem. Even at the maximum of his load, or 2kg of dough, he never did the tantrums, completing his mission. It works very well also with medium hard doughs, with the leaf whisk, without working too much and working the various pieces evenly.

To improve a minimum the general stability has small suction feet on the lower part, which allow it to be fixed on surfaces suitable for obtaining adhesion with the suction effect.
Last small comfort for a greater order, on the back has a small cable compartment, that is a portion of plastic in which you can comfortably roll up the cable to not have it in the middle when moving or storing.

Thanks to this small mixer I said goodbye to a couple of accessories too much in the kitchen and above all to the nightmare of having to hold in my hands that annoying classic beater that overheats.

Now I prepare everything in one go, faster, with less effort and above all less waste of electricity. It has a power of 500 W, and except for complex doughs to whip up eggs and creams it takes half the time compared to the hateful normal beater. Now that I've found it, I don't change it anymore.

Moulinex HF802AA1 Cuisine Companion one of the most beautiful gifts I have received, which has become practically irreplaceable

At the last birthday, 5 months ago, my husband and our children decided to surprise me beyond expectations. Seeing that package so small I could not imagine what I would have found inside: a professional quality food processor!

Cooking has always been my passion, at home I am the only one who takes care of preparing meals regularly but I do it with great pleasure: no matter how much the boys or my husband try in turn I have had my grandmother and mine as teachers mother and my dishes are definitely of superior quality.

Despite this passion, however, I found myself admitting that a helping hand would have made me very comfortable and so the family decided to give me something really useful and of quality. (Per fortuna, oserei dire, sono una donna sportiva e di gioielli e borse non me ne sarei fatta un’accidente!)

Ad ogni modo, questa è la prima macchina da cucina che ho mai avuto, mi sono infatti sempre arrangiata con piccoli elettrodomestici e prima di possederla non avrei mai potuto immaginare quanto lavoro potesse fare e quanto potesse semplificarmi la vita.

Il Moulinex HF802AA1 non è una semplice impastatrice come erroneamente credevo quando la vedevo vicino a tante altre esposte nei negozi di casalinghi, ma un robot da cucina multifunzione che impasta, macina, sminuzza, cuoce e soffrigge gli alimenti.

Molto simile al più celebre bimby per intenderci, solo ad un prezzo nettamente minore ma non per questo con prestazioni minori. In casa siamo in 5 e con questo robot riesco a preparare porzioni abbondanti per tutti, ha una capacità di 4,5 l, più che sufficiente a contenere parecchi alimenti.

Inizialmente, non avendo mai posseduto un macchinario simile personalmente, rimasi un po’ intimidita da tutti quei comandi sul display e le numerose informazioni del manuale d’istruzioni, ma con un po’ di pazienza è stato abbastanza facile apprendere tutto.

Non sapendo io l’inglese una delle poche cose che ho avuto subito da criticare è stata proprio la presenza di voci solo in tale lingua sul display frontale. Si trattava comunque solo di una piccola impressione iniziale rivelatasi per fortuna infondata. Una volta capito il significato di quelle poche parole utili è diventato tutto chiaro.

Il display è ampio e ben leggibile, sulla parte superiore ha i sei programmi automatici impostati dal modello, poi i tre comandi manuali ossia velocità, temperatura e timer. In basso ci sono i tasti più e meno per regolare i valori, il tasto pulse e quello turbo, e ovviamente quello d’accensione e spegnimento. Anche per le più diffidenti consiglio dunque di provare, è meno faticoso di quanto non sembri.

A livello estetico mi è piaciuta molto fin dalla prima occhiata, è compatta e da un senso generale di professionale, di robusto e solido e i materiali lasciano ben sperare in merito alla durevolezza generale. Lo uso molto di frequente da cinque mesi e non ha ancora un graffio, letteralmente.

In dotazione nella confezione ho trovato i cinque accessori fondamentali per usarlo in ogni situazione: l’impastatrice o frantumatrice in acciaio, lo sbattitore, il miscelatore, ed il cestello per la cottura a vapore e la classica lama in acciaio inox.

Volendo lo potrei espandere anche con vaporiera e tagliaverdure, e sto facendo un pensierino proprio sul tagliaverdure perché in famiglia ne consumiamo parecchie e dai video d’esempio che ho visto online sembra decisamente interessante e funzionale. Un acquisto che farò probabilmente entro i prossimi mesi.

La Moulinex HF802AA1 ha 12 velocità e questo concede una grandissima libertà d’azione su diversi tipi di impasto e lavorazioni senza pecche o rischio di rovinare gli ingredienti con lavorazioni troppo brusche. Le temperature di cottura partono da una base neutra di 30°C fino ad un massimo di 130°C, cifra che raramente serve superare quando si cucina. Non ho sentito insomma la mancanza di temperature superiori, per quello basta e avanza il comune forno di casa!

Personalmente ci ho preparato di tutto, da dolci, creme, zuppe, pasta, ma soprattutto impasti lievitati.

Questa macchina è portentosa secondo me nella gestione degli impasti perché anche se non sembra confrontandola con le classiche impastatrici col gancio a serpentina, riesce a gestire perfettamente la lavorazione degli sfarinati, così ho potuto ottenere ottime basi per pizza e pane fatto in casa senza sforzo.

Per non parlare delle focacce poi, una meraviglia. Non mi ha soddisfatta molto invece nella lavorazione di panna montata e simili, lo sbattitore elettrico classico con le fruste funziona purtroppo meglio.

Una cosa che questa macchina mi ha fatto scoprire e apprezzare, e che ignoravo quasi completamente prima del suo arrivo, è il meraviglioso mondo della cucina slow cook, sperando di averlo scritto correttamente.

Può gestire infatti autonomamente programmi fino a 120 minuti, lasciando cuocere a lungo alimenti come stufati e spezzatini, a temperature contenute fino a rendere la carne succosa e morbidissima.

La cottura al vapore non mi ha entusiasmato invece, ma immagino sia meglio comprare la vaporiera a parte come accessorio, perché così com’è riesce a supportare solo un numero ridotto di porzioni e nel mio caso non è sufficiente a servire tutti.

Un altro grosso vantaggio non da poco riguarda la pulizia del macchinario e soprattutto degli accessori: tutte le parti sono lavabili in lavastoviglie, e questo per me è un enorme punto a favore perché pulire a mano approfonditamente tante parti con tutti quei pertugi è qualcosa che fa passare veramente la voglia di cucinare e usare una macchina.

Ci vuole sì un minimo di pazienza nello smontare tutto e darle una sgrossata, ma basta farlo subito, mettendola magari a bagno in acqua quando i residui di cibo sono ancora freschi in modo da evitare che si incrostino. Inoltre in dotazione c’è una speciale spazzolina per arrivare a sfregare nei punti più ostici. Personalmente dunque non ho problemi a tenerne cura con qualche piccola attenzione in più, considerando che risparmia molta fatica, pentole e padelle necessarie ad ottenere risultati simili ma con un dispendio di oggetti nettamente maggiore.

Ultima nota, ma non meno importante, riguarda il manuale e il libretto di ricette annesso nella confezione. È veramente gradevole e ben fatto. Il secondo libro di ricette invece è piuttosto particolare, si intitola 1 milione di menù e contiene effettivamente 300 ricette suddivise equamente fra antipasti piatti di portata e dessert, la combinazione variabile di queste consente di ottenere dunque il famigerato milione di menù promesso dal titolo.

Simpatico, facile da seguire e ben impostato. Il tutto ovviamente tradotto per bene in italiano, anche se devo ammettere che per qualche ricetta ho preferito rifarmi alle mie e usare queste basi per riadattarle.

La Moulinex HF802AA1 è in conclusione una macchina multifunzione capace di sostituire concretamente numerose pentole e padelle, e preparare menù completi per tutti.

Kenwood KCC9060S Cooking Chef Gourmet una sostituzione che non ti fa rimpiangere la vecchia impastatrice

Dopo ben 7 anni di onorata carriera ho dovuto pensionare la mia vecchia impastatrice perché i costi di riparazione venivano quasi di più delle spese per comprarne una nuova. Non che i soldi mi mancassero ma mi sembrava un po’ uno spreco per riavere un oggetto usato da così tanto tempo.

Comunque l’ho cambiata davvero a malincuore perché era estremamente buona e mi ci ero ormai abituato alla perfezione, ne conoscevo tutti i piccoli difetti, i punti di forza, come farle dare il meglio di sé. È stato un po’ un piccolo trauma lasciarla perché avevo paura che non avrei trovato niente di altrettanto buono e avrei dovuto reimparare ad usarne una nuova.

Alla fine però mi sono deciso e ho fatto direttamente il salto di qualità, passando da una di fascia media ad una alta, la KCC9060S di Kenwood, la Cooking Chef Gourmet. Fui incoraggiato all’epoca, parlo di 8 mesi fa, da una generosa offerta sul pacchetto più completo composto da macchinario, frullatore e food processer, che uso entrambi molto di frequente.

Comincio col dire che questa non è una semplice macchina impastatrice, ma un robot da cucina completo molto simile se non direttamente superiore a macchinari come il famigerato bimby. Ha infatti la capacità di cuocere ad induzione, riscaldando da un minimo di 20°C ad un massimo di 180°C, una scelta a dir poco vincente che mi ha subito entusiasmato e concesso di preparare facilmente numerose ricette che richiedevano cotture immediate come certe creme a base di uovo, senza dover sporcare pentolini, andare sul forno e così via.

Un utensile che ti cambia il modo di stare in cucina e ti fa sentire veramente come un cuoco professionista. Fra gli accessori in dotazione di questo pacchetto completo c’è anche infatti il piatto in acciaio per la cottura a vapore, una cosa che non ti aspetti decisamente da un’impastatrice.

Il primo impatto appena arrivata a casa mi vide un po’ diffidente, era molto più pesante e robusta della mia vecchia planetaria, ed anche più grande a livello di capacità della ciotola da quasi 7 litri.

Ma soprattutto non ero abituato ad interagire col display elettronico, che mi costrinse a studiarmi bene il manuale delle istruzioni prima di procedere. Per fortuna l’utilizzo è abbastanza semplice una volta capito il senso di tutti i vari simboletti rappresentati e dopo due utilizzi ero già a lavoro senza più il manuale fra i piedi.

Nel pannello è possibile selezionare dei programmi automatici fra una selezione di 24, che possono gestire un largo numero di preparazioni e ricette, anche se personalmente la uso in maniera più indipendente senza affidarmi ai programmi. Si legge bene ed è molto luminoso grazie al contrasto fra lo sfondo nero e le scrittine bianche.

A livello di accessori, sono tutti rigorosamente in acciaio inox, per poter lavorare al meglio e durare ma soprattutto reggere i programmi di cottura ad alte temperature. Con le ovvie eccezioni di due fruste gommate.

Le fruste agitatrici in dotazione sono cinque, la frusta K, quella a filo spesso, il gancio da impasto e le fruste gommate per mescolare o montare gli impasti più morbidi tipo cheesecake. Oltre a queste c’è appunto la ciotola in acciaio inox, il piatto per la cottura a vapore ed i due frullatori.

Uno è il classico frullatore a caraffa all’americana, Thermoresist da 1,6 litri ideale per metterci subito dentro anche cibi bollenti senza problemi. L’altro è quello che gli americani chiamano food processor, il classico frullatore più schiacciato, che ho trovato dotato di sei dischi differenti di alta qualità sempre acciaio inox. Questi due strumenti da soli sono favolosi, il primo è in vetro, robusto, gradevole da adoperare e completamente sicuro.

Fra le altre cose, viene venduta completa di ricettario, e quick start guide ossia un manuale contenente una sorta di piccolo corso di alta scuola di cucina della Kenwood e dei buoni per ottenere l’accesso a dieci lezioni online Premium. Questo ultimo tasto per me è stato purtroppo dolente, desideravo veramente parteciparvi perché adoro imparare, ma i buoni erano già scaduti da tempo e non ho potuto riscattarli.

Per quanto riguarda invece la ciotola d’acciaio dell’impastatrice, amo molto che sia facile da liberare dall’innesto, come in molti modelli Kenwood a quanto ho visto dalle foto e in negozio, l’apertura ampia del macchinario rende facile l’estrazione senza intoppi. La ciotola è ovviamente dotata di manici resistenti al calore.

Alla macchina si possono aggiungere inoltre ulteriori accessori compatibili, ossia tutti quei classici aggeggi – che io non utilizzo in realtà – per fare pasta, biscotti, insaccati, spremute e centrifughe varie. Non che non mi dispiacerebbe possederli e completare così il set, ma per l’uso che ne faccio attualmente tutto questo pacchetto è completo e non ho davvero bisogno di una singola cosa in più.

Le funzionalità per chi non usa i programmi pre-impostati come me, sono abbastanza semplici e più che sufficienti. Ha otto velocità più la modalità pulse.

Esteticamente mi piace molto, il design è futuristico grazie al pannello elettronico, e i dettagli come manopole e logo con finitura lucida mi fanno impazzire sullo sfondo opaco del corpo macchina. Ci sta benone in cucina, sembra fatta apposta per sposarsi col mio arredamento moderno, sui toni di grigio scuro, bianco e nero, ma credo possa star bene praticamente ovunque per chi ama esporla.

Inizialmente la riponevo ad ogni utilizzo nella sua scatola con molta cura, ma dopo qualche settimana ho cominciato ad usarla praticamente quasi ogni giorno e dunque ho scelto di tenerla direttamente fuori dandole un suo posto speciale direttamente su un ripiano.

È una macchina da vedere decisamente in azione, le foto e i video non le rendono giustizia, molto facile da usare nelle sue funzionalità base e manuali, un poco più articolata quando si vuole imparare ad usare i vari programmi pre-impostati, ma decisamente versatile e soprattutto molto robusta e potente. Quando impasta anche a pieno carico non da segni di cedimento o non si affatica eccessivamente, cosa che invece avevo imparato a gestire con la mia vecchietta e adorata planetaria precedente.

A livello di rumore è perfettamente nella media, né eccezionalmente silenziosa ma nemmeno chiassosa a tal punto da impedire a due persone nella stessa stanza di parlare (cosa che mi succedeva con la vecchia).

L’unico lato negativo, ma mi rendo conto che sia probabilmente chiedere troppo, è l’assenza della possibilità di programmare liberamente la macchina o di avere almeno un programma personalizzabile.

Non è possibile insomma automatizzarla del tutto. Se avesse avuto questa caratteristica sarebbe stata letteralmente l’impastatrice perfetta. Ma anche senza tale upgrade è comunque una parte fondamentale del mio tempo in cucina, e mi aiuta a risparmiane anche parecchio col fatto che stempera/cuoce oltre a limitarsi a montare e impastare.

Kenwood KMX750RD Impastatrice Planetaria, lo strumento ideale per preparare tante varietà di dolci.

Non sono una pasticcera vera e propria ma, per le grande occasioni e periodicamente, mi piace dare sfogo alla mia vena creativa e sfornare qualche bel dolce per concludere un pasto oppure semplicemente come merenda per i miei figli.

Ma come immaginate, preparare l’impasto richiede del tempo e non sempre gli elettrodomestici o strumenti classici che si possiedono in casa propria sono adeguati per la creazione della base della torta e spesso le mie realizzazioni non riuscivano a essere così perfette come volevo io.
Per questo, su suggerimento di una mia vecchia amica, ho deciso di acquistare la planetaria Kenwood KMX750RD Impastatrice, che all’inizio mi sembrava essere il classico robot da cucina che tutti possiedono per la preparazione degli impasti.

Ma subito mi sono accorta che le sue linee erano totalmente diverse da quelle classiche: l’aspetto estetico, infatti, era riuscito a colpirmi fin da subito e anche il recipiente, realizzato in acciaio inox, mi dava quell’impressione di strumento totalmente diverso da quello classico.

Spinta dalla voglia di preparare il mio primo dolce ho montato subito la prima frusta, quella per gli impasti semplici, e preparato gli ingredienti da versare nella planetaria, che si è dimostrata molto capiente.
Ho davvero apprezzato le misure di questa parte dell’elettrodomestico: al contrario di tante altre simili, quella della planetaria Kenwood riesce a contenere una quantità discreta di ingredienti e quindi posso semplicemente dire che questo oggetto mi ha permesso di creare anche diversi dolci di dimensioni medie e porzioni per più di otto persone.

L’inserimento della frusta, invece, è stato leggermente complicato almeno la prima volta: la paura di rompere gli agganci si è palesata dopo aver sentito un primo scatto e un rumore non proprio tipico di questo elettrodomestico.
Ecco, se dovessi esprimere la mia prima critica parlerei proprio di questo aspetto, ovvero quella sensazione di fragilità che tende ad accompagnare gli agganci degli utensili della planetaria, che io personalmente avrei preferito fossero maggiormente resistenti.

Una volta che mi sono assicurata di aver effettuato tutti i collegamenti in maniera corretta, ho iniziato a impastare i vari ingredienti assieme e posso dire di essere rimasta abbastanza compiaciuta del modo di lavorare delle fruste, visto che il movimento omogeneo faceva in modo che ogni parte dell’impasto di amalgamasse perfettamente i diversi ingredienti.

Essendo una ricetta che richiedeva anche diverse velocità, ho avuto il piacere di sperimentare il regolatore di rapidità presente nello stesso elettrodomestico.
Anche in questo caso ho notato come la precisione e la risposta ai vari comandi sia stata di prima qualità: un piccolo scatto ed ecco che la velocità delle fruste aumentava e diminuiva a mio piacimento.

Posso però dire che, alla velocità massima, la planetaria tende a vibrare leggermente e qualche schizzo di troppo dell’impasto si è palesato, sporcando leggermente la cucina.
Sconsiglio quindi questo tipo di funzione: preferisco impiegare qualche minuto in più ed evitare poi di dover pulire tutta la cucina, operazione che ritengono superflua e noiosa da compiere se si deve preparare un semplice impasto.

Per quanto concerne le altre fruste, posso dire che queste sono nella media: svolgono il loro compito in modo abbastanza buono ma preferisco utilizzare quella doppia e classica, che mi permette di amalgamare gli ingredienti con maggior semplicità.

Sto utilizzando questo elettrodomestico da diversi mesi e posso dire che mi trovo abbastanza bene, seppur ho riscontrato un piccolo difetto dovuto alla planetaria: questa, ogni tanto, tende ad alzarsi quando gli ingredienti vengono impastati a velocità media e lo stesso vale per le fruste.
Quando questo accade l’elettrodomestico si blocca e quindi bisogna nuovamente abbassare le fruste per fare in modo che questo torni a funzionare in modo corretto.

Pertanto un piccolo difetto che, seppur raro, tende a rendere l’utilizzo di questo strumento poco piacevole: io ormai ci sono abituata ma all’inizio posso dire che la cosa era abbastanza snervante, visto che quando preparo certi dolci e altri impasti il blocco tende a rovinare leggermente la consistenza e quindi i tempi di lavorazione aumentano parecchio.

Ho anche notato come i piedi d’appoggio dell’elettrodomestico siano abbastanza solidi e tengano fermo il Kenwood KMX750RD Impastatrice Planetaria, quindi su questo fronte posso dire di non aver riscontrato alcuna problematica, visto e considerato il fatto che utilizzo con una certa frequenza questo genere di elettrodomestico, che si è dimostrato ideale per la preparazione di svariati dolci.

Voglio anche parlare della mia esperienza sul fronte pulizia dell’articolo: smontare la planetaria non è affatto difficile ma, come detto prima, temo sempre che gli accessori possano subire un danno e quindi io non possa collegare le altre fruste.

Ho constato inoltre come la planetaria sia abbastanza resistente e leggera, nonché in grado di sopportare anche le basse temperature del frigorifero, dettaglio che non dovete sottovalutare.

Aggiungo, infine, che questo strumento è ideale sia per preparare l’impasto dei dolci che quello di pizza e pane, seppur i primi siano i piatti che riescono meglio, visto che parlo di impasti tendenzialmente liquidi che vengono mescolati con maggior facilità dall’elettrodomestico, che mi ha permesso di realizzare non pochi dolci per la mia famiglia e amici.

Vi parlo anche di un altro piccolo difetto, ovvero il fatto che esteticamente questo elettrodomestico è poco resistente: dopo pochi utilizzi, causa caldo della cucina e qualche schizzo di troppo dovuto a impasti e non solo, il mio Kenwood KMX750RD Impastatrice Planetaria ha perso diverso colore e tende a essere leggermente macchiato.

Nulla di grave ma pur sempre un piccolo difetto che voglio rendervi note.

La mia esperienza finale con questo tipo di articolo dura da circa sei mesi, è abbastanza positiva e pertanto consiglio vivamente questo elettrodomestico a tutti coloro che hanno intenzione di aggiungere, ai diversi strumenti della cucina, un valido alleato per preparare impasti di ogni genere.

Riceverlo come regalo sicuramente farà piacere al destinatario, visto che per Natale, grazie alla mia esperienza positiva, ho voluto comprare l’elettrodomestico Kenwood KMX750RD Impastatrice Planetaria a mia sorella che ha apprezzato parecchio il dono, visto che finalmente anche lei potrà dare vita a diverse ricette e non dovrà aspettare di venire a casa mia per gustarsi i dolci che preparato.

Pertanto consiglio questo elettrodomestico vivamente a tutti coloro che, come me, hanno la passione per la cucina e che, di tanto in tanto, hanno voglia di dare libero sfogo alla loro voglia di preparare diversi dolci e rendere un pranzo o una cena perfetta sotto ogni aspetto, grazie alle diverse ricette presenti nel pratico libro di cucina in allegato nella confezione del Kenwood KMX750RD Impastatrice Planetaria.

Kenwood XL KVL8320S Chef Titanium System PRO, per sentirsi come dei veri professionisti

Da qualche anno ormai quella che era una passione per la cucina è diventata un hobby che ho preso decisamente sul serio ed infine un lavoro. Sono una food blogger, mi occupo insomma di ideare o provare ricette, pubblicarle sul mio blog e corredarle di foto e descrizioni accattivanti.

Proprio quando questo passatempo ha iniziato a trasformarsi in lavoro ho deciso di acquistare un’impastatrice planetaria degna di questo nome perché il giusto strumento fa realmente la differenza. Non era più possibile ottenere risultati professionali con banali frullatori o fruste elettriche, così ho scelto attentamente fra i vari modelli di planetarie delle marche più affidabili e infine ho scelto la XL KVL8320S della Kenwood.

Il set che ho preso constava dell’impastatrice più il frullatore, ma volendo era disponibile anche solo l’impastatrice di base, o il più costoso set completo di macchinario, frullatore e 4 strumenti aggiuntivi come sfogliatrice, tritacarne ecc.
Ho voluto tenermi su una via di mezzo dunque mi sono accontentata della soluzione col solo frullatore.

Inutile dire che questa impastatrice ha dato una marcia in più alla mia attività personale di food blogger, con risultati visibilmente più professionali nella riuscita delle varie preparazioni, ma soprattutto un netto risparmio in termini di tempo. Il tempo è prezioso e la cucina ne occupa molto, dunque se qualcosa può farne risparmiare ben venga dunque.
Sono rimasta estremamente soddisfatta da questa impastatrice, e a distanza di un anno da quando l’ho acquistata ho deciso di scrivere questa recensione, sperando di renderle giustizia.

Il design di questa macchina è molto essenziale, compatto e classico. Tutta di colore grigio ha l’aria professionale dell’oggetto studiato non tanto per stare in bella mostra ma per funzionare al meglio offrendo il massimo delle prestazioni.

In sostanza non brilla particolarmente in bellezza, ma non è quello il suo scopo, in fondo, infatti non esistono varianti di colore particolari. Ha un grande angolo di apertura a differenza di molte altre macchine, la parte superiore si reclina insomma agevolmente, consentendo di rimuovere più facilmente il cestello e la frusta senza dover fare strane manovre come mi è capitato in altri modelli economici.

A livello di funzionalità si tratta di un macchinario molto potente, da 1700 W, con una ciotola da 6.7 litri di capacità, è quindi capace di lavorare grandi quantitativi di impasti per volta e decisamente non si tratta di un giocattolo. Dispone di regolazione elettronica di velocità, ha la comoda funzione pulse e l’avvio a bassa velocità, che ho imparato essere fondamentale per gran parte delle lavorazioni dove si va a montare creme, panna o chiare d’uovo e grassi vari.

O in quelle in cui la ciotola è stata appena riempita di polveri finissime come il cacao ed una partenza troppo violenta rischierebbe di seminarlo ovunque. Una chicca che apprezzo molto è la presenza di un punto di luce che illumina l’interno della ciotola, lo trovo comodissimo e consente di guardare bene quel che si sta facendo senza dover alzare il braccio superiore della macchina ogni due secondi. La macchina di base è espandibile con altri accessori, ben 25, da acquistare a parte. Io per ora mi sono limitata ad acquistare la sfogliatrice ed il torchio con trafile in bronzo per fare la pasta e mi sono trovata più che bene.

Pochi minuti per impastare, meno ancora per stendere ed è subito pronta la pasta fresca: non regge il confronto con la pallida pasta pronta preconfezionata. In foto viene decisamente più appetitosa, e la praticità di lavorazione mi invoglia a farla di frequente, mentre un tempo non mi era possibile proprio per la lunghezza del processo da fare altrimenti manualmente.
Ha sei velocità più l’impostazione min e max, ed è possibile anche invertire il senso di rotazione, mossa ideale per gestire specialmente certi impasti un po’ ostici e pesanti.

In dotazione col pacchetto che ho acquistato ho ricevuto ben cinque accessori differenti: la frusta gommata, la spatola da pasticceria (che tuttavia non ho mai usato davvero), la classica frusta a filo, il gancio a k ed il gancio per impasti classico a serpentina. Un set di tutto rispetto considerando che la stragrande maggioranza delle altre planetarie viene venduta con solo tre accessori standard.

Incluso ovviamente anche il paraschizzi. Il frullatore del mio set è da 1,6 litri, piuttosto capiente e si è rivelato un buon aiuto per molte preparazioni particolari. Questo frullatore è termoresistente, anche se non ho mai avuto modo di testare fino a quanto, ho frullato al massimo del ghiaccio e qualche verdura lessa tiepida, dunque non mi so esprimere circa la sua validità in tal senso.
Nella scatola ho trovato anche il ricettario, sebbene onestamente solo una piccola parte delle ricette contenute è riuscita ad attrarre il mio interesse.

Come materiali e struttura è molto robusta, sono di qualità e si capisce anche solo toccandola. Dalla foto sembra quasi rendere meno per via del colore un po’ spento che da l’idea di una finitura plasticosa, ma sollevandola ci si rende conto di quanto sia massiccia.

A livello di rumore, considerando che ne ho sentite diverse a casa di alcune colleghe, devo dire che è sorprendentemente più silenziosa di molti altri modelli e la cosa mi ha lasciata gradevolmente stupita. Ero pronta a lavorare con le cuffiette, invece risulta sopportabilissimo anche a massima velocità.
La ciotola è ovviamente in acciaio inox, così come le fruste che non dispongono di parti gommate.

Insieme alle numerose note positive però c’è anche qualche nota di demerito ovviamente, come ogni cosa. Un problema che mi è capitato proprio durante i primi giorni e che mi stava addirittura facendo prendere in considerazione con somma delusione e riluttanza di restituirla, è l’altezza delle fruste. Io lavoro spesso su piccoli quantitativi di cibo, per cucinare massimo una o due porzioni dell’alimento di cui scattare le foto per il mio blog. Così mi ero ritrovata ad impastare una piccola dose di pasta choux ma la frusta faticava ad arrivare sino in fondo e prendere bene tutto l’impasto.

Leggendo un po’ su internet e notando che non ero la sola con questo problema ho scoperto per fortuna che era possibile regolare l’altezza delle fruste, infatti nella confezione c’è una chiave inglese in dotazione proprio per correggere questo dettaglio regolando i bulloni degli agganci. Una volta sistemato questo difetto e fatto qualche test, tutto è andato a meraviglia. Il secondo piccolo difetto che ho riscontrato invece è puramente estetico.

Quando la macchina va sotto sforzo pesante, ad esempio su impasti duri o pesanti, la placca ad altezza centrale tende a smuoversi un po’, dando l’impressione di una carenza di stabilità generale e fragilità. Impressione che per fortuna è solo tale.

In conclusione, dovendo dare un voto da 1 a 10 a questa macchina le darei un sonoro 9, che non è 10 solo per l’estetica che io personalmente non gradisco tantissimo. Questo gioiellino mi ha veramente facilitato la vita, e reso più piacevole e divertente la preparazione di numerose ricette più impegnative e particolari.

Last update 2019-11-27 / Affiliate link / Images from Amazon Product Advertising API

Leave a Reply